rosa, rosae, rosam

Adoro le rose, non posso fare a meno di annusarne una o accarezzarne i petali, quando passo davanti ad un roseto.

Le rose sono così, opulente, barocche e impertinenti, protagoniste assolute dei giardini, si amano o si odiano ma sanno come attirare l’attenzione degli uomini e degli insetti.

Avete mai osservato un’ape rotolarsi voluttuosamente nel centro di una rosa, ubriaca di profumo e polline? E’ uno spettacolo meraviglioso da fotografare.

La mia adorata nonna mi ha trasmesso la passione per le rose, come quella per la cucina e per i viaggi, oltre ad avermi lasciato tante piante di rose antiche nel suo giardino.

Ogni volta che colgo un bocciolo la sento vicina e ascolto la sua voce. Forse invecchiando sto diventando sentimentale, ma sento di dovere molto a quella piccola donna che mi ha cresciuto con severità e tanta dolcezza.

All’inizio di maggio la community di foodblogger RE-CAKE ha lanciato il cake contest mensile

contest

quando ho visto che si trattava di una torta all’aroma di rosa ho deciso immediatamente di provarci!

E’ la prima volta che partecipo ad un contest, non sono una pasticcera così brava e mi sono sempre tenuta in disparte, ma questa volta è diverso e dedico la mia “dolce fatica” alla mia adorata nonna e a mio padre, che proprio oggi compirebbe gli anni.

Le rose che ho utilizzato sono quelle del mio giardino, assolutamente biologiche e non trattate.

Erano così belle che mi sono divertita a creare un set fotografico per renderle ancora più protagoniste.

re-cake9

re-cake8

re-cake6

re-cake3

re-cake1

re-cake2

re-cake4

WHITE ROSE CAKE

(dose per 4 tortine  ∅ 10 cm)

115 gr di farina 00

5 gr di cremor tartaro e 5 gr di bicarbonato

un pizzico di sale

3 chiare d’uovo

110  gr di burro morbido

110 gr + 85 gr di zucchero semolato

30 ml di yogurt intero

30 ml di latte scremato

1 cucchiaio di acqua di rose

estratto di vaniglia

175 gr di Philadelphia

180 ml di panna

marmellata di rose

petali di rosa brinati

La preparazione del dolce è stata laboriosa e divertente!

Il procedimento seguito è quello riportato nel blog di Elisa di Rienzo il fior di cappero. Ho seguito il procedimento della ricetta fedelmente, apportando alcune varianti negli ingredienti.

Ho preparato mezza dose rispetto alla ricetta proposta e ho deciso di creare tortine monoporzione farcite a tre strati, anzichè un’unica torta.

Non ho trovato yogurt greco quindi ho usato yogurt intero non dolce ed estratto di vaniglia fatto da me.

Non ho messo i petali di rosa nell’impasto perchè ho deciso di preparare una profumatissima marmellata di petali di rosa rossa, che ho spalmato sugli strati prima del frosting al philadelphia.

L’aggiunta della marmellata, con il sapore intenso e la consistenza dei petali di rosa, ha dato un gusto ancora più speciale ad un dolce davvero meraviglioso. Sono soddisfatta di averci pensato ed è stato gratificante prepararla.

Per decorare il dolce ho preparato dei petali di rosa brinati con lo zucchero semolato, che ho disposto sulla sommità delle tortine a ricreare una rosa aperta.

Temevo che l’aroma alimentare di rosa conferisse al dolce un gusto stucchevole di saponetta invece non è stato così.

Il sapore e il profumo di questo dolce sono meravigliosi e diversi da qualunque altro dolce avessi mai assaggiato.

E’ stato apprezzatissimo dalla mia famiglia, per mia madre è addirittura il dolce migliore che abbia mai fatto, e non ne abbiamo avanzato neppure una briciola.

Ecco la mia creazione, spero vi piaccia quanto è piaciuto a me realizzarla!

re-cake10

re-cake11

re-cake12

re-cake13

re-cake14

re-cake16

re-cake15

Annunci

14 thoughts on “rosa, rosae, rosam

Metti una mela nel cestino!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...