In the middle

a-meta-strada

fonte: web

I’m standing in the middle of life with my plans behind me

me ne sto in piedi nel bel mezzo della vita con i miei progetti dietro di me

Una frase del genere mette un sacco di ansia, anzi a me mette asma e voglia di cioccolato come non ci fosse un domani.

L’unico “in mezzo” in cui vorrei essere è in una vasca da bagno, colma di acqua bollente che non si raffredda mai e di schiuma sempre soffice e profumata.

Oppure nel mezzo di un libro molto amato, quando la trama è già a buon punto, i personaggi tutti schierati e ti ritrovi a fare il tifo per l’uno o per l’altro, soppesando le pagine che rimangono prima della fine, cercando di ritardare il più possibile quel momento.

O ancora nel mezzo del sonno, aprire appena la palpebra e capire che rimangono molte ore prima della sveglia, che il calduccio sotto le coperte non si può abbandonare e la pipì può ancora aspettare.

Anche nel mezzo di una frase mi piacerebbe impantanarmi, soprattutto se il seguito è una risata, un’occhiata complice, l’intesa al volo di due amici di lunga data.

E adesso basta pensieri e mettiamo un po’ di musica, ad alto volume come piace a me, e poi lei ha una voce favolosa!

The middle of the road is trying to find me
I’m standing in the middle of life with my plans behind me
Well I got a smile for everyone I meet
As long as you don’t try dragging my bay
Or dropping the bomb on my street

Now come on baby
Get in the road
Oh come on now
In the middle of the road, yeah

In the middle of the road you see the darndest things
Like fat guys driving ‘round in jeeps through the city
Wearing big diamond rings and silk suits
Past corrugated tin shacks full up with kids
Oh man I don’t mean a hampstead nursery
When you own a big chunk of the bloody third world
The babies just come with the scenery

Oh come on baby
Get in the road
Oh come on now
In the middle of the road, yeah

One…two…three…four…

The middle of the road is no private cul-de-sac
I can’t get from the cab to the curb
Without some little jerk on my back
Don’t harass me, can’t you tell
I’m going home, I’m tired as hell
I’m not the cat I used to be
I got a kid, I’m thirty-three

Baby, get in the road
Come on now
In the middle of the road
Yeah

Annunci

90 thoughts on “In the middle

  1. I progetti dietro di noi, non son più progetti, sono cose concretizzate (a volte) (a volte bene a volte male), ma ormai appartengono alla storia.

    I progetti son solo davanti a noi, quindi… via l’ansia, ogni cosa ha i suoi ritmi e il suo tempo e in ognoi caso in corso d’opera i progetti si possono modificare 😉

    Mi piace

  2. Io ho molti progetti dietro di me.
    Se sono dietro di me significa che:
    – se erano buoni li ho concretizzati (lavoro, matrimonio, casa, famiglia)
    – se non erano buoni li ho tralasciati (e magari dimenticati)

    Penso che di progetti ne abbiamo sempre davanti a noi, ad ogni età.
    Sia che siamo all’inizio, o a metà, o verso la fine del percorso.

    Ciao

    K!

    Liked by 1 persona

  3. Alle volte la terra di mezzo è quella più pericolosa, poichè le tentazioni in essa hanno molti volti…. Ma è anche il luogo della meraviglia, quello delle scelte tra ciò che è vero e ciò che non lo è. Tra ciò che è bello e ciò che non lo è. Il punto non è cosa hai realizzato e cosa no. Ma chi sei diventata realizzando o non realizzando. E chi sei adesso. Perchè quei progetti, portati a compimento o meno, sono ancora li. Fanno parte di te. Un abbraccio

    Liked by 1 persona

  4. Sottoscrivo ogni parola…dall’ansia in poi. I progetti dietro le spalle hanno il sapore dell’insuccesso, di qualcosa che ci ha sfiorato e non siamo riusciti a trattenere o a concretizzare e non basta una tonnellata di cioccolata per stare meglio. Meglio promuovere nuovi progetti, purché siano “davanti” magari rimuginando su qualcosa di bello ancora da raggiungere mentre si sta in ammollo nella fatidica vasca da bagno…

    Mi piace

  5. la parte delle coperte al calduccio mi piace molto ma io non riesco a trattenere la pipi’ e sono costretta ad alzarmi. Il mio progetto piu’ grande (non e’ che abbia piu’ cosi’ tanto tempo davanti) e’ quello di riuscire a dormire quanto mi pare e mangiare quello che mi pare, cioccolata compresa, quella con scorzette di limone e zenzero possibilmente, senza ingrassare. Ma poi alla fine … chissenefrega!
    💋💋

    Liked by 1 persona

  6. Sono i momenti con noi stessi, prima di qualsiasi cosa e dopo qualsiasi cosa. Nel mezzo di tutto e d niente. Voterei il bagno caldo e il lettuccio caldo con occhi socchiusi e la consapevolezza che la sveglia suonerà tardissimo. NOn svegliamoci…per ora. Bacio alla mela più buona =)

    Mi piace

  7. Ero una persona ansiotica (mi piace come incipit, potrei scriverci un post).
    Poi mio marito, all’epoca un semplice amico con benefit, ha fatto un incidente in macchina dove ha rischiato di morire. Insomma, se fossi credente direi un miracolo. Visto che non lo sono, dico una gran botta di culo.

    Da quel momento ho davvero capito che il tempo è troppo prezioso per buttarlo via con l’ansia e mi godo davvero ogni.singolo.momento.
    Cioccolato, a me!

    Mi piace

  8. Tra le molte condivisibili riflessioni, mi soffermo su quella in comune inerente il libro: accade anche a me, arrivato a un certo punto, se amo quanto sto leggendo, di rallentarne la lettura per prolungare piacere e affetto. Ancora più pazzesco, tenere nel cassetto il prossimo libro di quello stesso autore: come se fosse un gioiello che confortasse già con la sua sola presenza, prima di centellinarne ogni pagina.
    Un sorriso per il fine settimana.
    ^____^

    Mi piace

  9. Pingback: Amici di blog, dovete darmi l’antibiotico! | ilmioblogpercaso

Metti una mela nel cestino!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...