Quote challenge – Day 1 – il senso della vita

leggere-11

fonte: web

Adoro le citazioni che uso a pro e sproposito, se poi sono di libri che amo e che in qualche modo accompagnano la mia vita meglio ancora.

La mia dolce e adorabile Penny mi ha nominata per questa challenge e visto che si parla di libri e citazioni non potevo esimermi, ovviamente a modo mio.

Il tutto si risolve molto semplicemente in 3 citazioni al giorno per 3 giorni.

Veniamo subito alla questione nomination, sì perchè dovrei nominare 3 persone al giorno.

Uno dei motivi per cui raramente faccio tag è che, al momento di nominare qualcuno, assisto a un fuggi fuggi generale che neppure a palla avvelenata si correva più spediti.

Le scuse solitamente sono le più becere e possiamo riassumerle, ça va sans dire, con una splendida citazione di un personaggio in missione per conto di Dio, lode ai suoi occhiali neri:

Dico sul serio. Ero… rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra. Non avevo i soldi per prendere il taxi. La tintoria non mi aveva portato il tight. C’era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C’è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio!

Quindi respirate di sollievo perchè non nominerò nessuno, o meglio, vi nomino tutti e mi limito a guardarvi severamente negli occhi ricordandovi che è sempre l’ora di una buona citazione libraria e non è il caso di fare i pelandroni!

Detto questo, eccovi le citazioni dei miei libri preferiti per il Day 1. Non è stato semplice selezionarli e mi rammarico per le centinaia di altri libri che avrei voluto citare.

1.

Il tempo scorre velocissimo e ce ne accorgiamo soprattutto quando guardiamo indietro: mentre siamo intenti al presente, passa inosservato, tanto vola via leggero nella sua fuga precipitosa.

Ne chiedi il motivo? Tutto il tempo trascorso si trova in uno stesso luogo; lo vediamo simultaneamente, sta tutto insieme; ogni cosa precipita nello stesso baratro. E, del resto, non possono esserci lunghi intervalli in una cosa che nel complesso è breve. La nostra vita è un attimo, anzi, meno di un attimo; ma la natura ci ha schernito dando un’apparenza di durata a questo spazio di tempo minimo: di una parte ne ha fatto l’infanzia, di un’altra la fanciullezza, poi l’adolescenza, il declino dall’adolescenza alla vecchiaia e la vecchiaia stessa. Quanti gradini ha collocato in una scala così corta!

Poco fa ti ho salutato; e tuttavia questo “poco fa” è una buona parte della nostra esistenza, e la sua breve durata, pensiamoci, un giorno finirà. Non mi sembrava in passato che il tempo scorresse tanto veloce; ora la sua celerità mi appare incredibile, sia perché sento che si avvicina la meta, sia perché ho cominciato a osservare e a fare il conto delle mie perdite.

(Lucio Anneo Seneca, Lettera 49, La vita è breve: non sprechiamola in cose vane)

 2.

…..l’essere agisce necessariamente per forme, che sono le apparenze ch’esso si crea, e a cui noi diamo valore di realtà. Un valore che cangia, naturalmente, secondo l’essere in quella forma e in quell’atto ci appare.

E ci deve sembrare per forza che gli altri hanno sbagliato; che una data forma, un dato atto non è questo e non è cosí. Ma inevitabilmente, poco dopo, se ci spostiamo d’un punto, ci accorgiamo che abbiamo sbagliato anche noi, e che non è questo e non è cosí; sicché alla fine siamo costretti a riconoscere che non sarà mai né questo né cosí in nessun modo stabile e sicuro; ma ora in un modo ora in un altro, che tutti a un certo punto ci parranno sbagliati, o tutti veri, che è lo stesso; perché una realtà non ci fu data e non c’è, ma dobbiamo farcela noi, se vogliamo essere: e non sarà mai una per tutti, una per sempre, ma di continuo e infinitamente mutabile. La facoltà d’illuderci che la realtà d’oggi sia la sola vera, se da un canto ci sostiene, dall’altro ci precipita in un vuoto senza fine, perché la realtà d’oggi é destinata a scoprire l’illusione domani. E la vita non conclude. Non può concludere. Se domani conclude, è finita.

(Luigi Pirandello, Uno, nessuno e centomila)

 3.

Ci sono persone che aspettano la grande occasione tutta la vita senza rassegnarsi mai all’idea che possa essere tutta nel tragitto tra la scuola dei figli e il posto di lavoro, tra il campo di calcetto dove giochi con gli amici e il supermercato dove compri per lo più cose superflue. Che non sia solo organizzare le vacanze aspettando il Natale o portare fuori di casa il cane e guardarlo mentre si rotola nel fango, e poi cenare sempre verso le otto per riuscire a leggere qualche pagina del libro che tieni sul comodino. Ci sono persone che non sanno rinunciare al sogno di vedere la vetta dell’Everest dal campo base e pensare che il giorno dopo siederanno sul tetto del mondo. Qualcosa mi diceva che nessuno pensa davvero che tutto vada bene così com’è e che i sogni che avevamo da ragazzi erano solo una sciocchezza. Ognuno di noi ha avuto un momento in cui la grande occasione sembrava lì a portata di mano. Qualcosa tipo la telefonata di un regista che ti dice che il casting per un film da premio Oscar è andato bene e tu sei tra i candidati al ruolo principale. Tutti pensiamo che arriverà un giorno in cui accadrà qualcosa di magico da raccontare e di cui vantarsi, anche se non succede.

Però, ecco, io credo che già sperarlo sia bello.

Conta il viaggio non la meta, dicono i saggi.

(Otello Marcacci, Sfida all’OK Dakar)

Dell’ultimo autore vi parlerò meglio molto presto perchè vale davvero la pena conoscerlo.

A domani per le altre citazioni.

Annunci

63 thoughts on “Quote challenge – Day 1 – il senso della vita

  1. L’ultima citazione è meravigliosa!!! *-* La voglio!
    E tu,Mela,sei bederrima e stupenderrima e mi dai soddisfazioni a meraviglia,perché prima o poi farò un intero post di senso compiuto usando solo citazioni!*superhero mode ON*

    Mi piace

  2. Ecco, io non sarei in grado di fare citazioni librarie, non perché io non legga, ma perché non riesco a tenere in mente (tranni rarissimi casi) il testo letto, seppur significativo.
    Riesco molto meglio con le citazioni da testi di canzoni.
    Ciao Mela.

    Mi piace

  3. Ahh che bello! Mi piacciono le tue citazioni e mi piace l’iniziativa 😛 Mi considererò autoinvitata e appena avrò un po’ di tempo lancerò anch’io il tag sul mio blog 🙂 PS: “Solo il tempo è nostro” e “la vita non conclude” sono due dei mantra che mi porto dietro da una vita, perciò ti sento vicina 🙂

    Mi piace

  4. Adoro le citazioni, le cerco sempre quando leggo i libri e le sottolineo per rileggerle più avanti… e nel blog se ne possono trovare parecchie 😉 Ho perfino un calendario con una citazione al giorno 😉

    Mi piace

  5. Dell’ultimo autore ho parlato anche io sul mio blog in un paio di occasioni. L’ultimo libro mi manca anche se l’ho acquistato recentemente. Sono in un periodo pigro e leggo più lentamente del solito, dai raccontami qualcosa tu così prendo l’abbrivio… 🙂

    Mi piace

    • Ne parlerò meglio a breve però è stato un colpo di fulmine dopo una serie di coincidenze. Ho letto tutti i suoi libri nel giro di due settimane. L’ultimo è il seguito del suo primo libro pubblicato, Gobbi come i Pirenei, ed è molto bello come tutta la sua produzione.
      Ho letto le tue recensioni e sono pienamente in sintonia con ciò che penso. Un abbraccio Viv

      Mi piace

  6. Ritorno on-line dopo una settimana familiare decisamente impegnativa. E visto che ho un po’ di arretrati con il blog il primo è il tuo! Tra l’altro melina parli di libri e io ho appena finito di leggere diario di un sociopatico e tadada… a me è piaciuto! Devo dire che il tuo racconto in principio mi ha un po’ spiazzato, perchè nella scrittura ti vedo come colei che riesce a dare le parole alle immagini di Myazak, invece il racconto ha una certa cupezza (sarà pure che la mia settimana mi ha affossato) ma pian piano in quel racconto ci sono entrato e sai una cosa? Che mi sono scordato che fossi tu a scriverlo, ma che fosse davvero il personaggio a raccontarlo. Tra l’altro ho trovato anche appropiate le immagini. Che dirti brava!!!! E io sono che vive de fiesta (ora fortunatamente mi sto disintossicando) e libri 😉 Mi è piaciuti anche quello di Albini. Il libro è amalgato bene nei racconti scelti. Un abbraccio Rò

    Mi piace

  7. Pingback: Tag Quote Challenge – Day 1 | ilmondodelleparole

Metti una mela nel cestino!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...