Fragile

dal web

Mia cara A,
mi chiedi se sto bene, ma oggi è un giorno di stanchezza che mi lascia fragile come da tanto non capitava più. ​Ci sono fatti cui non riesco a dare subito una risposta, il significato vero rimane nascosto, guardo con attenzione ma non vedo che specchi, che riflettono centuplicata un’immagine fino a renderla reale; però avverto la nota stonata, la frase che non dovrebbe stare lì, quel particolare non ben celato. Il mio sesto senso si mette in allerta, non mi sento un po’ gatto per niente, e non faccio altro che inglobare l’informazione, la sento fare pluf e sprofondare nella fanghiglia in apparenza calma del mio inconscio. Mi limito ad archiviare il dato e lo lascio decantare e invecchiare a contatto con i lieviti del dubbio, perché fermenti e torni a galla al momento opportuno.

Ho quella che Keats definì “capacità negativa”, tendo ad accogliere anche ciò che non posso capire, senza essere frettolosa né voler accettare a tutti i costi una risposta di comodo. Forse in questo mi aiuta la mia innata ingenuità. Per quanto mi sforzi di apparire cinica e stronza in fondo sono buona e gentile, anche se non ne vado fiera, concedo fin troppa fiducia e credo a tutto quello che le persone mi dicono. D’altra parte perché mai non dovrei? 

Così a volte, quando non me lo aspetto più, quando penso di essermi solo inventata quel particolare di troppo, ecco che invece vedo il pezzo mancante e so esattamente dove va messo. La risposta che cercavo è sempre stata davanti a me e arriva il momento di aprire gli occhi sulla realtà. Non sempre ciò che scopro mi entusiasma e mi lascia una buona opinione di me, se non quella di aver fatto la figura della stupida ancora una volta. Diamine, la delusione è forte e, chiamala pure mania del controllo o vanità offesa, non riesco proprio ad accettare una menzogna, non quando ho offerto sincerità e ne avrei voluta altrettanta. (Magari sono soltanto una meschina egoista, cos’è mai questo bisogno di dar via amicizia con leggerezza se non un modo per gratificare il mio ego?) È un peccato non riuscire più a provare fiducia, una tristezza infinita che mi fa stare da schifo e mi lascia solo un altro buco da tappare a fatica.

Vado avanti comunque, mia A, un passo per volta, due di lato e qualcuno indietro. A zig zag perché così è la vita e se qualcuno si aspetta una linea retta è solo un fragile ingenuo.

For all those born beneath an angry star

Lest we forget how fragile we are

On and on the rain will fall
Like tears from a star
Like tears from a star
On and on the rain will say
How fragile we are
How fragile we are

On and on the rain will fall
Like tears from a star
Like tears from a star
On and on the rain will say
How fragile we are
How fragile we are
How fragile we are
How fragile we are

Annunci

75 thoughts on “Fragile

  1. E però continuerai a offrire sincerità (si potrebbe farlo senza provare fiducia?), perché sei… come sei. Certo, andando sempre dritti in una strada tutta curve può capitare di ritrovarsi fuori pista, purtroppo…

    Mi piace

  2. Chi crede che la vita sia una linea retta, magari in perenne discesa, si sbaglia.
    Ma qualche mente semplice vive davvero in questo modo, senza notare che sono le curve ad addolcirsi al suo passaggio.
    Chi invece vive la vita a pieni polmoni diventa un abile ciclista, che sa sgobbare in salita, ed ha perizia nelle curve.
    Un caro saluto, ciao Mela

    Liked by 1 persona

  3. ti leggo e guardo fuori dalla finestra, c’è un grigiore cupo, uniforme, che non puoi nemmeno chiamare nuvole, assomiglia piuttosto alla “fanghiglia calma del tuo inconscio”, e mi dico che con un cielo così abulico e pesante per forza ogni minima delusione diventa un sasso che ci tonfa nello stomaco.
    ma tornerà maggio, anche se metà s’è già sprecato 🙂
    ml
    (la fragilità, comunque, è una caratteristica delle cose preziose.)

    Liked by 3 people

  4. In questo post c’è una persona colpita, ma non affondata. Ferita ma non sconfitta.
    Leggi e rileggiti la poesia INVICTUS… io ce l’ho al lato della mia scrivania al lavoro. Non so perché, ma mi calma e mi rende forte.

    Mi piace

  5. Caratteristica di chi è sincero è aspettarsi sincerità. Null’altro che sincerità, nel bene e nel male. E a volte la sincerità fa male. Si è talebani sulla sincerità, non si accettano compromessi, ma non sembra che così sia per tanta parte di umanità. Sentirsi nella riserva indiana è una sensazione che mi appartiene, ma non per snobismo o anti-conformismo, è un dato oggettivo quando il tuo modus operandi (oltre che le idee) è condiviso da pochi intorno a te. Qualcuno disse che il male vince quando il buono smette di lottare. La battaglia sarà persa oggi, ma la “guerra” non è ancora finita. Un abbraccio

    Mi piace

    • Forse a furia di far parte di una riserva ci estingueremo come i nativi americani….. io non lo so se faccio bene a me stessa mantenendo questo standard, dovrei abbassare le mie aspettative o non averne proprio più….. se solo fosse facile! Grazie Red, ricambio il tuo affetto 😊

      Liked by 1 persona

  6. Succede quando si è troppo sensibili, cara Mela. Le bacchettate sui denti, che diventano talora vere e proprie palate, sono inevitabili per chi fa della generosità dei sentimenti l’essenza della vita. Esistono i dentisti, cari ma sistemano… 😉 E so che tu ne conosci una molto brava… 😉
    Posso abbracciarti forte forte? ❤

    Mi piace

  7. Se tu vai a zig zag, io giro in tondo (che spesso equivale a girare a vuoto).
    Ma chissà magari in questo girovagare, un giorno ci incontreremo in un crocicchio e ci prenderemo un caffè o una granita siciliana e chissenefrega delle vie maestre! ❤

    Mi piace

  8. Andare a zig zag è segno, a parer mio, di chi prova sentimenti ed emozioni e vive intensamente. Non può essere un percorso lineare, evviva che non lo sia! Tu sei bella così come sei, al di là delle delusioni, e il bello è rimanere integri e fedeli a se stessi, del resto non riuscirei a non immaginarti limpida e trasparente. Un abbraccio amica bella 🙂

    Mi piace

  9. Vorrei dirti che ti capisco, ma in realtà mentirei, perché non capisco. Io non do quasi nulla. Però ammiro le persone coraggiose che danno e tu mi sembri una di quelle persone che dà e non per ricevere o dimostrare qualcosa, tu dai perché così ti senti di fare. Perché tu sei così. Chi prende e poi fa a pezzi mi fa incazzare. Ho una cara amica che per certi versi mi ricordi, lei è sempre fiduciosa e prende un sacco di in***e. Ma continua lo stesso, si rialza e va avanti. Spero tu possa fare lo stesso, ti abbraccio.

    Mi piace

    • Non credo che tu non dia, forse sei soltanto molto più selettiva, perché hai abbastanza sicurezza da sapere che non puoi e non devi essere buona e gentile con tutti. Infatti lo sbaglio è mio, ormai ho il cuore ridotto a un colabrodo e pazienza.
      Come dicevo a ml in un commento è stato una via di mezzo tra un graffietto e un taglio profondo. Sanguinerà per qualche tempo e poi guarirò. Sono in piedi, mi sono conciata anche peggio e la colpa è solo mia. Un abbraccio grande 😚

      Mi piace

  10. Cara Mela,
    quando leggo in giro qualche post in cui aleggia l’atmosfera di questo tuo (e in genere si tratta di post che arrivano molto meno diretti dentro di me rispetto a questo), nasce (ma il termine giusto sarebbe subisco) dentro di me un bisogno, che definirei quasi patologico, di inserire un commento. E di suo il commento sarebbe lungo cento righe o giù di lì. Ma per fortuna non è necessario preoccuparsi. Mi autolimiterò. Ogni storia è diversa. Si declina in forme differenti. A volte c’è l’amore, a volte c’è la passione, a volte c’è il gioco, a volte c’è solo una sintonia così straordinaria che esce da ogni scala conosciuta prima. L’amicizia, in tutte le sue declinazioni, è l’unica relazione che veramente conta nelle nostre vite al pari della ristretta cerchia familiare. Ho nell’anima i segni di una amicizia ormai esausta, che per lunghi momenti mi ha lasciato dolcemente attonito e decisamente appagato. Perché esistono davvero poche cose in grado di superare il piacere di avere vicino qualcuno che ci guarda, noi non parliamo, ma capiamo che ci capisce. E, se la cosa è reciproca, tutto si ammanta di magia.
    Ma questo mondo in cui viviamo è complicato. A volte, anche a dispetto della sua apparente libertà, in esso prosperano schemi esistenziali stereotipati che rasentano l’autentica stupidità.
    E nel mondo di oggi sono tollerati o dati per scontati (da chi li compie) comportamenti sciocchi come la volubilità e la incoerenza, fino ad arrivare al ghosting …
    Ma non mi dilungo.
    Fa male!
    Fa male ricostruire quei piccoli segnali che nel tempo gettano il sospetto che l’armonia non sarà eterna.
    Fa male soprattutto capire che la base della connessione appagante tra le persone è sempre e solo la condivisione magica degli animi, delle menti e dei cuori, non è mai la concessione di qualcuno a rinunciare temporaneamente alla affermazione del proprio ego. Ma continuano ad esserci persone che non tengono nel giusto conto il valore dell’armonia.
    No conosco il tuo caso. Ma alte sono le probabilità che, se la tua fiducia crollerà. la vera perdita non sarà di certo tua.

    Mi scuso per la lunga dissertazione, per lo più oscura. Tuttavia quello che posso aggiungere è che il colore arancione che compare ai lati del tuo blog, mi piace molto. :-*

    Liked by 1 persona

    • Caro P,
      avrei letto con estremo piacere anche un commento di cento righe, sarebbe stato uno sforzo davvero minimo dopo la passione che hai riversato in queste tue parole.
      Capisco che l’argomento non ti è sconosciuto anzi, temo di aver sfiorato tasti dolenti e di questo mi rammarico, se ti ho scosso.
      Credo che la comprensione empatica che mi dimostri abbia radici profonde che solo l’esperienza può donare.
      Dici bene, l’amicizia è un dono prezioso che non si compera e non si può tenere in gabbia. Deve essere lasciato libero di crescere e respirare e, come una pianta, si può ammalare e morire, succede e bisogna accettare che le cose vadano così.
      Se però le fondamenta sono già viziate, se tutto si fonda su una finzione, allora non parliamo neppure di amicizia ma di qualcosa che non ha senso in valore assoluto.
      Non voglio incanalare le mie energie in senso distruttivo, starò a vedere cosa succede.
      Ti ringrazio di cuore per tutto, anche per l’arancione! 💝

      Liked by 1 persona

      • Non rammaricarti per aver toccato qualche tasto sensibile. La verità che su di me il benessere che ho sperimentato quelle rare volte che sono stato davvero in equilibrio con altre persone, mi lascia sempre un segno così forte che anche l’oblio dell’armonia non riesce ad oscurare. Non cedere al cunicolo delle energie distruttive, guarda con fiducia e, se vuoi un consiglio disinteressato e inopportuno, fai qualche passo aggiuntivo carico di affetto verso chi ti è amico. Magari la situazione se deve fare la sua deriva la farà lo stesso, ma esercitare tutto il potere in mano alla nostra volontà e al nostro cuore fa stare bene perchè così si toglie all’origine ogni senso di esistere al rammarico.
        Abbraccione!

        Mi piace

  11. gli intoppi e le delusioni della vita ci provano ed è normale nei periodi più delicati sentirsi intolleranti alle difficoltà, ma con un colpo di coda si riesce sempre a ritrovare la rotta perduta e una nuova carica di energia

    Mi piace

  12. La sincerità penso appartenga a chi è un puro di cuore e non ha paura di mostrarsi per quello che è. Però ci sono tante persone che sono terrorizzate da loro stesse e dall’immagine che danno ed ecco che decidono di nascondersi dietro una menzogna, per apparire diversi, per rinnegare loro stessi.

    Mi piace

      • Forse più che rimanere soli mi viene da pensare che rimangano intrappolati in loro stessi. Vivono le loro convinzioni senza vivere la verità delle cose. Penso che però l’unico modo per essere veramente liberi sia affrontare la verità ed accettarla. Se non conosciamo la nostra verità, come possiamo essere delle persone consapevoli? Come possiamo modificare noi stessi? Comunque complimenti per il blog. 😉

        Liked by 1 persona

  13. Il tuo stato d’animo lo capisco in pieno, e che a volte siamo così bisognosi dell’altro che abbassiamo le difese e a volte ci va bene, alte volte male. Ma pensa alle volte in cui ci è andata bene, forse hanno carico di energia superiore a quelle negative. Un abbraccio

    Mi piace

  14. Qualunque cosa sia successa hai vinto tu. Chi scrive certe parole non fa mai la figura della stupida, anzi tutto il contrario…si eleva ad un punto tale che non riesce neanche più a vedere o sentire chi l’ha delusa. In una delle tue risposte ai commenti qui sopra parli di razza in estinzione…io direi che qui si tratta dell’avvento di una nuova razza, una “speciazione” che probabilmente rappresenta il futuro di questa fallita umanità… 😉

    Mi piace

Metti una mela nel cestino!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...