Aracne

credits: Ocus memini by Blekotakra, DeviantArt

Sono esile, elegante, aggraziato. Sono un re dalle lunghe gambe. Dondolo voluttuoso sul filo che esce dal mio addome, pregno di gomitoli di seta evanescente.

Passeggio rapido e silenzioso, circondo il mio regno di una trama sottile di perlacea perfezione.

Letale.

Implacabile.

Non so da quanto tempo sono in vita. Esisto, forse da sempre. Ho aperto gli occhi ed ero qui, intento a spremere fili collosi, a tessere trappole mortali, osservando il mosaico che mi circonda ricomporsi intorno alla sagoma della preda.

In questo spazio non sono solo.

C’è lei.

La guardo, la osservo, la soppeso, la voglio.

È arrivata prima di me. Forse. O forse dopo. In realtà non ha alcuna importanza.

Ora è qui ed è mia.

Ancora non lo sa, ma è mia.

Quando dorme mi calo su di lei, lentamente, passeggio sul suo corpo caldo e immobile, le accarezzo il viso, penetro le narici, orno la sua bocca con la trina morbida del mio ventre.

Ne ascolto il respiro inquieto, affannoso. Osservo le mani che si muovono nervose nel sonno, lacerano il mio dono, scacciano il fastidio che le provoco.

Ho potere su di lei e ne godo intensamente.

Mi sento uno straccio stamattina. Ho il corpo che formicola in modo fastidioso, quasi che mi abbiano torturato con il solletico per tutta la notte. E poi, ancora quello strano sogno che non mi lascia in pace.

Una stanza colma di sporcizia, polvere, mobili sudici e a pezzi in ogni angolo ed io mi trovo al centro della stanza. Mi guardo intorno, osservo con sconforto la desolazione che mi circonda, ho un fazzoletto legato sulla nuca e una scopa in mano. Inizio a pulire, sono ossessionata da tutta questa sporcizia che sembra guardarmi con cento occhi nero fuliggine.

C’è una chiazza scura sulla parete, la colpisco con la scopa, sembra muffa, esplode al mio tocco in una nuvola di spore, mi tappa la bocca, ingoio, la trachea si chiude, non respiro, soffoco.

Mi sveglio bruscamente. Dio. Che paura. È solo lo stesso incubo. Ancora.

Quando è sveglia talvolta sento i suoi occhi fissi su di me, la vedo che si avvicina e tremo di desiderio. Vorrei correre sulle sue braccia, solleticarle le dita, tessere per lei un bracciale di seta, ascoltare il suono morbido della sua risata.

Invece ho paura, temo il suo tocco e mi ritraggo. Mi sposto in un angolo, aggroviglio le zampe sotto l’addome, divento nient’altro che un punto fermo e le permetto di giocare con i fili della mia casa, di farmi oscillare a suo piacimento, di distruggere indifferente ciò che resta del mio fragile regno.

Nonostante il tormento cui mi sottopone, non mi uccide. Attendo ogni volta il colpo mortale ma, stranamente, mi risparmia, mi grazia dopo essersi divertita a guardare come impazzisco di paura.

Se continuo a trascurare la casa tra poco i ragni mi chiederanno l’affitto. Dovrei decidermi a spazzare via le ragnatele. Un colpo deciso e via, eliminate. Invece non ne ho il coraggio e tollero questi esserini fastidiosi come fossero parenti scomodi, che non puoi mandare via e ti limiti a sopportare ignorandoli.

Ne ho visto uno in bagno, sta lì ormai da un bel po’, ha preso possesso dell’angolo della doccia, proprio sotto lo spiovente del tetto. Ogni tanto pizzico il filo guida della sua tela e lo guardo oscillare come uno yo-yo impazzito. Povera bestiolina, mi fa quasi tenerezza. Devo lasciarla in pace, non sono più una bambina giustificata nella sua innocente crudeltà.

Non appena si allontana incomincio la ricostruzione, filo dopo filo, nodo su nodo, del mio effimero reame, con la rassegnata certezza che, presto o tardi, sarà distrutto in un gioco perverso di logoramento.

Questa sera, immobile nell’angolo più lontano del soffitto, l’ho osservata a lungo. L’acqua calda creava nubi di vapore profumato e le gocce di condensa appesantivano pericolosamente la mia tela.

Mi sono saziato alla vista della sua pelle rosea, delle linee del volto rigato da gocce d’acqua e lacrime, che cadevano a terra andando a mescolarsi ai rigagnoli di schiuma, giù per lo scarico.

Ho desiderato con tutte le forze di crescere, di farmi grande e imponente davanti a lei, di afferrarla e stringerla lentamente, tremante di paura, e poi mangiarla, divorarla intera, sentirla dibattersi sempre più piano dentro il mio ventre gravido, farla finalmente mia, parte del mio corpo, nutrimento per il mio filo.

Invece ho atteso, con la solita tranquilla calma che riservo alle stupide mosche di cui mi nutro, che terminasse la doccia.

Ho sostenuto il suo sguardo indagatore, lasciando che stracciasse ancora una volta i miei fili. Io ho molta pazienza, so quando accostarmi alla preda.

Oggi è stata una giornata da dimenticare, ma l’unica che non dimentica sono proprio io e mi ritrovo a piangere di rabbia come una stupida. Piangi, piangi che fai gli occhi belli, così mi dicevano da piccola. Certo si erano dimenticati di parlarmi del naso a pomodoro, delle palpebre gonfie come canotti e del grumo in gola che non va giù. Ti alzi, bagno, doccia, vestiti, colazione che poi non stai in piedi e hai già la pressione bassa, un filo di trucco che hai una faccia da schifo e sembri malata, borsa, chiavi, scale, auto, corri, clacson, le frecce mettile impedito, cazzo è tardi, parcheggio, troppo lontano, uffa anche oggi, di corsa, due passi in più che rassodano il culo, l’umore sotto le scarpe, un bel respiro, ciao a tutti, caffè, quando arriva l’ora del caffè, buongiorno, mi dica, si figuri, sono qui apposta, dovere, grazie, prego, arrivederci, si chiude, è ora, corri, serrande chiuse, anche oggi niente pane, yoghurt, grissini, una mela al volo, caffè, lavoro, lavoro, lavoro, sera, chiudo la porta, a chiave, due mandate, controllo, sì sono due, sospiro, sollievo, via le scarpe, telefono, ciao, come stai, mi manchi, doccia. Basta, questo ragno mi ha scocciato, ora strappo la sua stupida tela, lo schiaccio, mi è sfuggito dalle dita, domani lo becco. Domani cambia tutto, domani cambio tutto, ora dormo, ne ho bisogno, bicchiere, acqua, lexotan, gocce, 10, 15, 20, 30, ma sì 30, che saranno mai. Bevo, buio, silenzio.

Attenderò la notte per avvicinarmi, la guarderò dormire avvolta nelle coperte, passeggerò tra i suoi capelli con la foga delle dita di un amante, poi violerò la sua bocca, scenderò giù nella gola e ancora più in fondo, fino a raggiungere il cuore.

Lo avvolgerò lentamente con strette spire di seta, sempre più fitte, affonderò le zanne con il veleno finché non smetterà di palpitare e, dopo un ultimo sussulto, non diverrà che un bozzolo freddo, avvolto da un sudario bianco. Cibo, mia, per sempre.

Sogno, ancora, maledetto sogno, mi agito, smettila, è solo un sogno, polvere, troppa polvere, muffa, ingoio, la trachea, fa male, ho paura, freddo, non respiro, soffoco.

Non c’è che un’unica, perfetta colonna sonora per questo incubo: Lullaby

Annunci

92 thoughts on “Aracne

  1. Ero pronto già con il link a Lullaby dalle prime battute. Ci hai pensato tu. Non poteva essere altrimenti. Hai confezionato un intreccio che è una perfetta tela di ragno: ti imbriglia, vorresti fuggirne, ma più ti muovi, più rimani invischiato nella tela della…MelaRagno!

    Liked by 1 persona

  2. Mannaggiattè proprio su un ragno dovevi scrivere!!! Per fortuna dal telefono l’immagine è minuscola altrimenti, come ho fatto con Red ti chiedevo di ma farmelo avere via mail!!!
    E poi scrivi così bene che non posso farne a meno e alla fine mi è piaciuto da impazzire❤️❤️
    Ora però guardo gli angoli di casa con ansia…

    Mi piace

  3. originale e decisamente avvincente questo brano onirico-sentimentale a due voci.
    se lui è l’uomoragno (nulla a che vedere con spiderman), tu sei la donna impigliata nella sua ragnatela, a tratti trappola, a tratti amaca da cui farti cullare.
    ml

    Mi piace

    • Questa volta di personale c’è veramente poco, tranne il sogno della stanza da pulire, che è stato davvero angosciante, e i ragni che coabitano pacificamente (spero) con me. Era un pensiero pazzo che stavo rincorrendo da parecchio tempo e ha preso forma quasi da sé!
      Un abbraccio di buon fine settimana 😊

      Mi piace

  4. Mela, io ho pensato a Lullaby dopo poche righe di lettura, e volevo appunto scrivere un commento di richiamo a quella magistrale canzone.
    Invece, sorpresa!, è proprio lei l’ispirazione di questo racconto.
    Siamo sulla stessa lughezza d’onda, the spiderman is always hungry…

    Mi piace

  5. Incredibile! Non hai trascurato alcun dettaglio, ogni mossa, ogni sensazione….ami i ragni?
    Mia figlia rasenta l’aracnofobia, li ritiene silenziosi e terribili, un nemico poco visibile.
    Bellissima, come sempre mi agganci dalla prima all’ultima parola.

    Mi piace

    • A me non piacciono molto, però mi fanno tenerezza. Noi ci spaventiamo tanto ma loro lo sono ancora di più da noi, così grandi e rumorosi. Se posso mi limito ad accompagnarli gentilmente all’uscita di casa mia 😊 grazie per il tuo apprezzamento, mi fa molto piacere.

      Liked by 1 persona

  6. Nella prossima vita voglio rinascere con i tuoi polpastrelli ed essere capace di scrivere cose così.
    Ogni volta mi tieni incollata dalla prima all’ultima riga, persino quando parli di un ragno. Cazzarola, ma come fai?
    Qui c’è del talento, eccome se c’è! ❤️😘

    Mi piace

    • Tu scrivi pezzi bellissimi che io adoro e vorrei fossero miei!!!
      Non riesco davvero a pensare di avere talento. Dentro di me c’è ancora la ragazzina del classico che mi ripete che non so scrivere. Così mi diceva sempre il prof di italiano, “Non scriverai mai altro che mediocrità. Non iscriverti a Lettere, nella vita fai altro che è meglio”. ❤❤😘😘

      Liked by 2 people

      • Secondo me quel prof. ti legge di nascosto e si mangia le mani, ogni volta.
        Ché i tuoi post non sono mai mediocri, né banali, ma comunicano sempre qualcosa, toccano sempre qualche corda.
        Vorrei vedere lui scrivere di ragni! 🙂
        Quindi spegni quella vocina e continua a deliziarci con la tua scrittura. ❤

        Mi piace

      • Il Beppe, lo chiamavamo così. È morto da tanto, poverino. Ho già scritto di lui una volta. Una cazziata memorabile per aver sbagliato a citare una fonte. Da allora sono diventata maniaca nella verifica! Un bacio grande di buona giornata e buona settimana 😘

        Mi piace

  7. I ragni mi disgustano, eppure per il tuo provo una certa “ammirazione”. Lento e paziente, sa aspettare il momento opportuno, capace persino anche di “amare” la sua preda.
    La tua prosa sta diventando sempre più sensoriale. E mi piace molto. Quasi impossibile in questo caso non visualizzare quanto è narrato.
    Brava Mela! 👏😉

    Mi piace

  8. Il compito del lettore che vuole commentare è davvero difficile quando scrivi così. Qualsiasi osservazione fatica ad uscire dal banale, ma per fortuna a chi legge rimangono le sensazioni impalpabili ma appaganti di questa specie di partita a tennis tra amici che hai imbastito.
    A me è piaciuto molto questo passaggio “Mi sono saziato alla vista della sua pelle rosea, delle linee del volto rigato da gocce d’acqua e lacrime”, un elegante desiderio sessuale con fini edibili noncurante delle pene dell’altro, una consuetudine molto diffusa anche al di fuori del regno ristretto dei nostri coinquilini a otto zampe.

    Mi piace

    • Non sono il tipo che pesa i commenti in base alla loro originalità o banalità. Una persona che impiega il suo tempo per leggere e scrivere anche un semplice “mi è piaciuto” ha la mia gratitudine.
      Detto questo, la banalità non ti appartiene neppure per sbaglio e sono felice del tuo giudizio positivo.
      È vero ciò che dici, spesso si scambia per qualcosa di più ciò che invece si rivela un egoistico, direi anche edonistico, desiderio di piacere senza complicazioni.

      Liked by 1 persona

  9. Bello, bello, bello anche questo.
    Grande, potente sensualità. Un’onda che ha felicemente attraversato le tue pagine di… inizio estate.
    Ora attendo i frutti del crepuscolo e l’odoroso autunno, tutto da attraversare.
    Brava, vellutata, suadente, Mela, sensualmente inquieta.
    P.

    Mi piace

Metti una mela nel cestino!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...