every day is Monday morning 

Per la mia amica J,  nelle cui parole mi specchio così spesso che proprio non posso pensare sia “per caso”.

Questa mattina ho letto l’annuncio di un concerto. Dopo aver esclamato wow!! ho pensato che, come quasi tutto ciò che amerei fare, non ci andrò. Vorrei, ma non posso. Matematico.

Mi sono chiesta ancora una volta perché il mio tempo sia ostaggio di ciò che devo e non di ciò che voglio, perché gli obblighi siano più forti e resistenti di un muro di cemento, perché il mio io voglio non sia quasi mai seguito da un io posso.

E no, la risposta non c’è. Vorrei poter dire che in fondo è semplice: basta prendere in mano la propria vita, alzare la testa e mandare tutto e tutti affanculo, ma tanto so che non lo farò mai, che spavalderia e coraggio non fanno e non faranno mai parte del mio corredo genetico.

Ho preso posizione sulla ruota con il solito umore da ogni giorno è lunedì mattina, ora che ci penso dovrei scriverlo in inglese e farmi una maglietta fighissima, e ho iniziato a pedalare da bravo criceto. Però a un certo punto ho rallentato e mi sono guardata intorno. Gli altri erano impegnati nella loro corsa quotidiana, ma io non riuscivo a vedere altro che futilità nei loro gesti e nelle loro parole, un’inutile spreco di energia nel rendere complicato ciò che dovrebbe essere semplice, nel trasformare ogni piccolo intoppo quotidiano in un enorme problema da affrontare di petto. Mi sono sentita estranea a tutto, una bolla di silenzio dentro una bolla di enorme caos che non fa che aumentare l’entropia di un sistema già esausto.

Non è così che mi piace vivere anzi, a dirla tutta, non mi importa nulla di ciò che per coloro che, per loro sfortuna, condividono la ruota con me, sembra essere vitale. Così ho messo la sordina a un assurdo cicaleccio su importanti argomenti di rilevanza nazionale, il black friday di amazon, il colore dell’anno per gli addobbi di Natale e l’organizzazione di un’odiosa cena aziendale su tutti, e mi sono messa a pensare al libro che avevo in borsa, a quanto avrei voluto terminare di leggerlo la sera prima, invece di addormentarmi sul più bello; alla sciarpa che sto lavorando a maglia con pazienza, una riga dopo l’altra, aggiungendo un colore alla volta man mano che la lunghezza cresce e l’umore cambia, consapevole che forse anche per quest’inverno non sarò in grado di finirla; alle novità di lavoro che dovrò affrontare senza convinzione e senza che possa oppormi, a come sia inevitabile e al tempo stesso difficile adattarsi al cambiamento per sopravvivere.

Mi piacerebbe fare come il pettirosso della mia amica J, trovare qualcuno che mi prenda in simpatia e mi regali briciole di biscotto, costruire un nido solido in cui passare il tempo cattivo e volare via quando la vita diventa difficile. Ma non è così che vanno le cose e mi è tornato alla mente un ricordo di qualche anno fa, quando avevo iniziato a nutrire un gruppo di uccellini che abitavano il mio giardino, privati dalle molte nevicate della possibilità di procurarsi il cibo.

Avevo fatto le cose per bene, mi ero procurata le granaglie giuste, lo strutto, briciole di dolci e scaglie di frutta secca e avevo impastato palline gustose, appese ai rami secchi come fast food per piccoli affamati. Il primo giorno era stato esaltante spiare i loro voli, dapprima timidi, poi sempre più spavaldi e anche la popolazione era aumentata, prima solo passeri, poi anche cincie, pettirossi, cardellini, qualche merlo beneducato, ciascuno mangiava rispettando il suo turno, senza prendere più di quanto poteva raccogliere nel becco, per portare le provviste al sicuro in un andirivieni che metteva allegria. La serenità del mio giardino è durata, come tutte le più belle cose, solo lo spazio di poche ore. Poi sono arrivate le gazze. Invadenti, rumorose, prepotenti e aggressive, hanno spazzato via tutto il cibo con ingordigia, dopo aver fatto scappare a colpi d’ala gli altri avversari più deboli.

In un mondo perfetto gli uccelli si sarebbero coalizzati contro le gazze prepotenti e le avrebbero fatte scappare a suon di beccate, ma la realtà è che questa è la vita vera e non un reality. Il forte vince e il debole china la testa e questa storia senza morale edificante non fa eccezione. (Però alla cena aziendale mi darò malata!).

Annunci

61 thoughts on “every day is Monday morning 

  1. hai descritto perfettamente la realta’ quotidiana di tutti quelli che non si adattano al vuoto ed al piattismo di questa societa’ malata. Condivido in pieno ogni parola ed anche io mi isolo nel mio mondo incantato per uscirne solo a contemplare la natura, unica cosa che mi da pace e bellezza … gazze comprese 😊

    Piace a 3 people

  2. A volte non è il caso di mandare tutti a fanculo, ma scegliere e quella scelta col tempo diventa difficile, anche perchè ci si è abituati a farsi coccolare dalla propria malinconia e il proprio dolore…
    E’ difficile, caro tesoro mio… ma si può fare ❤ ❤

    Piace a 1 persona

  3. Sono giorni, per me e per te, in cui si fanno cose perché si deve e non perché si vuole.
    Si indossa il sorriso di circostanza e si fanno, ma si vorrebbe essere altrove a fare tutt’altro.
    Ma arriveranno i giorni giusti, quelli in cui il cuore sarà meno amaro.
    Passerà l’inverno, arriverà la primavera e si abbandonerà il nido per andare a costruirne un altro più bello e comodo da qualche altra parte.
    Per il momento continua a lavorare alla tua sciarpa e ad aggiungere colore.
    Vedrai che un giorno tutto questo grigiore sarà solo un ricordo.
    Grazie del regalo che mi hai fatto. ❤
    Te lo scrivo con le lacrime agli occhi, ma stavolta sono di commozione e di gioia.
    La tua amica J.

    Piace a 1 persona

    • Sono contenta ti sia piaciuto, avevo paura di aver esagerato con la cupezza, però contavo su quella sottile comprensione che ci fa sentire un’affinità speciale tra noi. Qualcosa sarà, ne sono certa, ogni giorno cambiamo anche senza accorgercene e chissà che prima o poi il cambiamento per una volta non sia a nostro favore.
      Un abbraccio forte fortissimo, amica mia.

      Piace a 1 persona

      • La cupezza è uno stato d’animo e chi come noi trova catarsi nelle parole, fa bene a scriverne.
        Poi forse dopo si sta meglio o forse no.
        Leggere te è un po’ come guardarmi allo specchio e trovare risposte.
        L’affinità speciale, come l’hai definita tu, non sarebbe di certo nata se tu non fossi così come sei.
        Quindi grazie, grazie davvero!🙏❤️

        Mi piace

  4. però, qui, hai incanalato i pensieri nella direzione giusta, lontano dai venerdì neri (che a me, come termine, non evocano grandi sconti ma lugubri presentimenti) e dai lunedì obbligati, li hai indirizzati verso qualche briciola piacevole, la lettura sospesa, la sciarpa che procede, come quelle che offri ai tuoi uccelletti. A questo proposito, noto che da me c’è più democrazia tra le varie speci, gazze e tortore non invadono il campo di pettirossi e cince forse perchè le briciole le metto sul piatto di una vecchia stadera appesa in terrazzo, troppo vicino a casa perchè gli uccelli più grossi si azzardino ad avvicinarsi 🙂
    un abbraccio di buona giornata
    ml

    Mi piace

    • belli questi venerdì neri e lunedì obbligati, sei un maestro di parole tu! Mi hai dato un buon consiglio, lo seguirei se potessi, ma negli ultimi due anni il giardino è diventato regno e dominio assoluto di uno stregatto di 12 kg che fa strage di ogni oggetto volante passi nel suo spazio aereo…. disgraziato! 🙂 un abbraccio e buon proseguimento di giornata.

      Mi piace

  5. E’ vero. Tutto. Ed è un pò anche colpa nostra. Tanti piccoli uccelli possono sconfiggere un’aquila. Ma nessuno si sporcherebbe le mani, già troppo esausto e stressato per le beccate di uccelli maggiori e brutti che gridano di lavorare e tirare dritto per la propria strada. E’ colpa di tutti, vittime, nessuno escluso. Ma tant’è…

    Mi piace

  6. Oddio, non so da dove iniziare. Vorrei sapere quale era il concerto che avresti voluto vedere e quali sono i colori della tua sciarpa, la lunghezza e che tipo di lana stai usando. Vorrei sapere cosa state organizzando per la cena aziendale di Natale che bidonerai, come è il tuo giardino e che libro hai in borsa. Poi mi sono venuti in mente ricordi dell’inverno in Svezia, di quello in Toscana dove avevo messo del cibo per i passerotti sul balcone e che hanno biecamente snobbato così come una recente visita a Villa Borghese. Insomma, il tuo post ha scatenato un macello nella mia testa 🙂

    Mi piace

    • Veniamo alle domande facili! La cena aziendale sarà probabilmente in una pizzeria senza pretese, tra l’altro io non mangio pizza, e sarà una lagna perché siamo un gruppo piccolo e male assortito, ci sopportiamo ogni giorno per troppe ore quindi non capisco da dove arrivi questa voglia di guastarci anche il riposo serale.
      Il mio giardino è anziano, ha più di 60 anni perché è la casa dei miei nonni, ci sono molte rose, peonie, iris blu, qualche pianta di glicine, un gelsomino che in estate profuma tutta la strada, una pianta di lillà e tante ortensie. C’è un muretto a secco ricoperto di edera che ospita un condominio di lucertole e una folta siepe di ligustro che dà rifugio agli uccelli. Quella siepe mi è cara perché è stata messa a dimora da mio padre nell’ultima estate prima di morire. Ogni tanto si ammala e ha bisogno di una vigorosa potatura, ma finora ce l’ha fatta.
      Il concerto è dei King crimson e Alice Cooper, una robina leggera!
      La sciarpa è iniziata come total grey, con una lana piuttosto granulosa, poi ho iniziato ad aggiungere del color ottanio, una bella sfumatura di verdeblu, e adesso ho aggiunto qua e là una riga sottile di bordeaux, perché mancava un tocco di rosso. La lunghezza è a piacere, smetto quando mi stufo! 😀
      Il libro è bellissimo e merita un post a parte, che scriverò presto 😉
      Ma tu scrivi, mi raccomando, racconta i tuoi ricordi che è sempre bello leggerti.

      Piace a 1 persona

  7. Quello che hai scritto ha descritto perfettamente quello che spesso provo anche io. Siamo fatti così e non possiamo cambiare, le “gazze” neppure. Se alziamo la testa ci vengono a “beccare” perché, per loro non è parlare ma polemizzare. Sai cosa penso? Prendi solo il buono, ce ne è poco, ma c’è. Abbiamo già i nostri problemi da affrontare, inutile sprecare fiato per chi, intanto, non capirebbe. Buona giornata 😘

    Piace a 1 persona

    • Eh, lo so, è legge di natura. Dura lex sed lex e pazienza…. anche lo scorpione punse la rana e affogò miseramente, non ho descritto nulla di nuovo e sono passati più di duemila anni… Ma sì, prendiamo il buono e al diavolo il resto! Buona giornata anche a te 🙂

      Piace a 2 people

  8. cara Mela, che fortuna aver potuto dare da mangiare agli uccellini (segno che abiti in un bel posto, circondato dalla natura). Una domanda mi sorge spontanea : ha la priorità la sciarpa o il concerto ? (rido ma neanche più di tanto). E’ un momento questo tuo, poi se ne andrà.
    Bella storia la sorpresa che hai fatto alla tua amica J ! Mi piace… ne sarà felice.
    Un bacio 🙂

    Piace a 1 persona

  9. Noi abbiamo appena saputo del pranzo aziendale, e già molti stanno ideando il modo per svignarsela. Io non scappo, ci vado, un po’ per aspetti organizzativi che mi coinvolgono, un po’ perché io sono abbastanza socievole (quando voglio) e vedere i colleghi (alcuni dei quali sono una volta all’anno) non mi dispiace.
    Dispiace invece anche a me, Mela, il fatto che spesso i desideri non trovino corrispondenza nella loro realizzazione, rimanendo tali. Non dico di averci fatto l’abitudine, ma non mi sorprende più il fatto che “voglio” e “posso” si trovino su due rette parallele.

    Mi piace

    • Io lavoro in una realtà piccolissima, ci vediamo sei giorni su sette, otto ore al giorno, sempre le stesse persone che non si sopportano per tutto l’anno. Perché, mi domando, farci andare di traverso anche la digestione? Siamo sempre noi in fondo, cosa cambia?
      Ci ho fatto il callo anche io, abbastanza direi, ma ogni tanto il rimpianto punge…

      Piace a 1 persona

      • Posso immaginare.
        E posso anche immaginare che sia anche più complicato estrarre dal cilindro una scusa plausibile.
        Almeno da noi siamo in più di 100, e starsene a casa con una scusa è più semplice.

        Mi piace

  10. Cara Mela, io non lo qual è può essere la soluzione, di certo non appartengo al mondo dei forti, ma neanche a quello dei deboli, non saprei dove collocarmi, diciamo che considerato che il mondo non è perfetto, forse ci dobbiamo attrezzare affinchè possiamo quanto meno, non dico camminare, ma quanto meno “scivolare” sulla sua imperfezione. E sono diventato talmente bravo che ho un culo lisssio lissio! Sul discorso della cena, io non posso darti consigli. Ho conosciuto svariate realtà aziendali, senza mai nessuna che mi cagasse de striscio, ma quello che ho imparato è che tutti i datori di lavoro vanno presi per il culo, perchè forse è l’unico modo per sopravvivere. Ci si becca..ho fatto i biglietti! ❤

    Mi piace

    • Le tue parole, scivolare sulle imperfezioni, mi hanno fatto venire in mente le lame di un pattinatore, una figura che si muove con grazia nonostante il pericolo di cadere.
      Siamo tutti pattinatori, ci teniamo in equilibrio e qualche caduta ci sta.
      La cena è un nodo da sciogliere…. ci devo pensare… Non vedo l’ora di abbracciarti ❤ ❤

      Piace a 1 persona

  11. La maglietta sarebbe fantastica, se la fai, spediscimene una : D
    D’accordo su tutto il resto, questo è un mondo faticoso, fortuna che si trovano righe come queste, dove leggi e ti senti a casa e capita, visto che hai espresso concetti in cui mi ritrovo perfettamente. Un abbraccio ❤

    Mi piace

  12. sì, anch’io spesso mi sento, come te, un criceto sulla ruota con tanta volta di evadere dalla gabbietta. Ma forse, se non un’evasione, un modo per andare a fare un giretto fuori l’ho trovato. speriamo non sia solo un vorrei ma non posso. ti abbraccio

    Mi piace

  13. Il senso di estraneità è percepito solo da una profonda sensibilità e spesso mi dico che chi riflette poco vive meglio. Ma sarà poi così? O questi si perdono tantissime sfumature della vita che, per quanto amare, completano il nostro bagaglio umano?
    Le tue parole mi hanno fatto scattare una molla, cerco di ricavarmi il tempo per un regalino… 😉
    Ti abbraccio tanto tanto. ❤

    Mi piace

  14. All’ultima cena, di lavoro, di due settimane fa, pagata da un medico arrogante, son stata la mosca bianca.
    L’unica a non andarci.
    Non è stato facile. Ma, Dio mio, mi son sentita libera.
    Felice come non mai!
    Alla mia età, finalmente, sto imparando.
    Mi sembra addirittura di respirare meglio. 😅.
    Buonanotte, cara mela💫❤️

    Mi piace

  15. Pingback: Sisifo felice? | Ma Bohème

Metti una mela nel cestino!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.