Cosi è (se vi piace)

fonte: web

Ci ho provato, cazzo se ci ho provato, invece niente da fare, ‘sto periodo proprio non è nelle mie corde e non dovrei neppure dire parolacce, almeno a Natale, ma tant’è, scappano fuori da sole dalla mia boccuccia di rosa.

Ho scritto alcuni post, uno più cupo e triste dell’altro, che ho preferito risparmiare a chi gradirebbe, almeno per queste feste, sorridere un po’.

Allora ho pensato che oggi cucino, così la casa profuma di biscotto e le mie ansie arrostiscono a 180°, e vi faccio gli auguri con la musica che preferisco.

Per tutto il resto c’è tempo.

Così è (se vi piace) ❤

Annunci

Quest’anno

​ https://youtu.be/iKsm2FKQdYw

[La versione dei Negrita mi piace molto di più, ma non ne ho trovata una decente]

Quest’anno, così difficile e complicato, mi ha portato via persone care e mi ha reso consapevole della precarietà dei nostri istanti; è stato pesantissimo eppure veloce, lento nel trascinarsi delle ore e leggero nello scorrere delle albe; così crudele con la musica mi ha fatto salutare con rimpianto i musicisti del cuore, mi ha costretto a riascoltare dischi dimenticati, a ritrovare ricordi sopiti; è stato ricco di vacanze improvvisate, di fotografie incredibili, di buon cibo e ottimo vino, insieme alle poche, indispensabili persone che posso dire mie.

Quest’anno è stato pieno di amicizie, di avatar che hanno preso vita, di volti aperti nei sorrisi, mani strette in abbracci, di incontri desiderati e progettati, di aspettative soddisfatte, di sorprese inaspettate; di mail, quante! di messaggi, di piccoli sorrisi quotidiani, di parole di affetto, di stima e comprensione, di offerte di ascolto e spalle cui appoggiarmi, che mi hanno riscaldato nei momenti tristi, di tanto amore che mi ha circondato e dissetato come una pianta vizza che chiede solo acqua.

Quest’anno  è stato pieno di libri, di parole lette e scritte, di racconti, di personaggi che hanno bussato alla mia testa, fatto cantare la mia immaginazione e fremere le mie dita, uomini tristi, donne pericolose, angeli tabagisti, gigantesse innamorate, giocolieri del fuoco e streghe buone, gente strana, forse un po’ sociopatica, ma che ci posso fare, i semi di una mela sbacata non potevano essere diversi.

Non lo butto via quest’anno, è stato tosto e indigesto, mi ha fatto piangere e sospirare, è stato madre severa e a volte ingiusta, ma mi ha portato anche tanta gioia e la bellezza delle piccole cose che davvero contano.

Auguri a tutti voi che avete saputo renderlo speciale e unico.

Hallelujah

In qualunque modo desideriate trascorrere questi giorni, a qualunque credo apparteniate, alla fine ciò che conta, ciò che davvero tutti vogliamo è essere sereni e non troppo soli.

Auguri a tutti voi, amici preziosi.

Lacrime di stagione

Sono qui davanti allo schermo

ho gli occhi pieni di lacrime

le labbra tumefatte

la testa pesante

il respiro corto

……

……

……

eeeH

eeeH

eeetciù!!!

ACCIDENTI ALL’ALLERGIA!!

E’ primavera, l’aria è frizzante, alberi e prati si popolano di fiori colorati, i malefici pollini volano e si annidano ovunque e io ormai sono ridotta così

sudoreSpero di avervi messo di buonumore ma non ridete troppo che vi vedo, eh! 😉

Con mio grande stupore, non ci avrei scommesso una lira pardon un centesimo, ci sono persone che leggono e sembrano apprezzare le mie divagazioni.

Non potete sapere quanto è gratificante per me e per la mia gracile autostima, perciò desidero ringraziarvi tutti quanti di cuore.

Vi auguro di trascorrere una buona Pasqua, laica o cattolica che sia, con le vostre famiglie, le persone che amate, gli amici più simpatici o anche da soli, se vi fa piacere. Mangiate di gusto, bevete un buon bicchiere di vino e auguri a tutti!

La vostra Mela raffreddata vi saluta 🙂